Archive for novembre 2004

30 novembre 2004

Un giorno perfetto


(C. Donà, C. Donà/C.Calcagnile) da “Dove sei tu”, 2003


L’eleganza di un’ombra su un prato
alla fine di agosto
Stesa sul passato,
oggi ogni cosa è al suo posto


Lui ti parla di fiori sbocciati
sulle spine di un tempo
Crudeli verità
spazzate dal vento


Dimmi
è un giorno perfetto?


La bellezza di questa giornata
è che non tornerà indietro
ma ogni giorno se lo vuoi
sarà un giorno perfetto


 *-* Ci sono dei testi di canzoni che non posso essere casuali… A volte ti stupisci di come una persona che non sei te possa scrivere cose che nella tua vita c’azzeccano proprio parecchio.. ecco questa è una di quelle volte.. *-*

30 novembre 2004

Per l’esattezza il brano Stronger than me che ascolto è proprio quello che mi hai passato tu in data 8/3/2004 ore 18.16.. Non è che le cose che mi dai le butto via.. come ti ho ampiamente dimostrato nei giorni scorsi ritirando fuori i pezzi di chitarra che mi hai mandato almeno 2 anni fà.. se non prima.. ( cold shot è del 31/7/01 ore 11.58). E poi come è stato ampiamente dimostrato.. non è che non ti sto ad ascoltare quando scrivi di musica e mi sembra che mi son sempre fatta contagiare dai tuoi gusti musicali, che tu sai essere molto raffinati .. miiii se sei pettegolo Luca. Doppio miiiiiiiii per come sei decisamente pettegolo. Gne gne gne. ( eccetto che quando mi molli li per dei  messi e perdo il mio consulente musicale e poi quando mi passa la voglia di imparare a suonare la chitarra non ho più nessuno che mi dice che la voglia non mi deve passare….) (colpa tua ).


No così.. tanto per dire.

29 novembre 2004

Amy Winehouse – Stronger than me


Allora.. in realtà.. il punto saliente di questo we si è vaerificato in torno alle 17 di domenica.


Tipo: metti du donne in uno spaccio di scarpe.. una ciacciona.. e quell’altra di più. Una che ha già speso un capitale.. e quell’altra che non ha comprato nulla di nulla. ( la seconda sarei io.. incredibile ma vero..)


Insomma a un certo punto mi infilo uno stivale ( dopo che avevo riso e preso per il culo xchè a qualc’un altro gli era rimasta incastrata la cerniera e non veniva + giù)..


.. faccio per sganciarlo…. e  l a  z i p   r i m a  n e    i n c a s t r a t a     a n c h e    a   m e …..


Lei si divide in terra dal ridere.. io sudo sette camice per tirare fuori il mio piede di li dentro.. e slargo e tiro e ponzo.. ma nn viene..  alla fine stranggggg cede….


Ma ho la vescica nel dito…. e a momenti mi piscio sotto.

29 novembre 2004

Ho preso un’altro cuoricino dei baci perugina.. ho aperto la carta stagnola con cura, per non romperla.. ho mangiato il cioccolatino.. ho letto la frase..


Non si giudica chi si ama

29 novembre 2004

 Janis Joplin – Summertime


Averti con me in questi due giorni è stato magnifico, con te mi sento  “specchio di pioggia e asfalto oggi il mio viso è più leggero senza pianto solo acqua e cielo”.  Vorrei che il tempo non passasse mai, vorrei non essere coì distanti .. vorrei essere insieme sempre e non perdermi neppure uno minuto. Perchè sto così bene quando siamo insieme. Perchè tu sei capace di volermi bene in mondo unico e tutti i tuoi gesti ne sono specchio.. e questo è terribilmente bello.. e ne sento sempre la mancanza in tua assenza.


Tante cose porto dentro di me di questi due giorni.. I tuoi piedi nelle mie ciabatte, la nostra colazione insieme e poi chiaccherare e confidarmi con te.. e i tuoi commenti dolci e pieni di affetto su cose che sai che mi stanno a cuore.. E poi mi piace che sabato sera siete infilati nel mio mondo.. in mezzo alle persone a cui tengo, con cui passo il mio tempo. Mi piace vederti girare in casa mia.. e cucinare e mangiare insieme.. Tutte le volte che dormirò in quelle lenzuola saprò che ci hai dormito anche tu.. e questo è molto dolce per me.


E poi ti rivedo in quel camerino con quel vestito addosso.. e sei bellissima e dolce.. mi sembri irreale. E mi viene voglia di abbracciarti.. e ti sento davvero come una sorella e dentro di me non posso fare a meno di pensare che sarebbe stato bellissimo crescere insieme.. io e te.


 

26 novembre 2004


Ci sono delle conversazioni che ti lasciano un retrogusto di felicità mica da poco.. è inevitabile che uno sorrida..


Serena scrive:



non ho parole


 Yoda scrive:



quella avrà già il telovaffanculo pronto


 Yoda scrive:


🙂


erena scrive:



questa cosa la copio nella mia pagina te lo dico


 Yoda scrive:



vai


  Yoda scrive:



sono pronto a tutto


 Yoda scrive:



son buddista io


 Yoda scrive:



beh certo


 Yoda scrive:



meno che a prenderla ….

26 novembre 2004

Norah Jones – Come Away With Me


Metto di proposito una musica dolcissima.. perchè ho bisogno di calmare un po la mia agitazione adesso.. Mi rendo conto che questo comportamento è dovuto dall’insicurezze generate da questi giorni un po travagliati.. insicurezze che non dipendono da te, ma da me.. Che son venute fuori anche verso Agosto.. ti ricordi quella sera a quercianella.. te non lo immaginavi neppure come ero agitata la sera avanti quando sono venuta a prenderti a lavoro.. Sono vedendoti in costume , piccola e tenera, dentro lo sgabuzzino di calzedonia.. tutto si è calmato nella pancia. E adesso è stato lo stesso sentendo il suono della tua voce. E non nascondo che qualche lacrima cade giù adesso.. lacrime di tenzione.. Ma adesso sto bene.. Non capisco come mai mi prendono queste paure che capisco essere del tutto irrazionali.. Ma in queste ore non ti nego che sono stata di merda.. E l’impossibilità di sapere come mai eri sparita mi stramazzava. E mi ripetevo che magari eri dal dentista o a giro per negozzi o che cavolo ne sò io, che avevi finito i soldi ( come sempre ) .. emi dicevo di star calma che magari avevi il telefono a casa.. o chi sà dove.. e mi ripetevo di star calma e che stavi bene.. Ma cazzo dentro me non ero calma per nulla.


E questa chiamata è stata come una resurrezione quasi.. e grazie..


E poi ti ho comprato il regalo di Natale stamani.. e non avevo voglia per nulla di venirti a cercarti alla Melora e trovarti dentro un sacco di nailon ( da leggersi nylon ) con la pelle viola e una foglia di banana in bocca ( arrotolata ) e con la lettera V nascosta sotto il pollice destro.


Domani ti tiro i capelli.. o ti impianto un microcip per sapere dove diavolo t’infili quando nn ti fai viva.

26 novembre 2004

Ore 8 freddo cane, umido ma non abbaia. Drin(suona la porta). Chi è? Quello delli spurghi.   Si arrivo


Apre (puzzo) Svuota (risucchio) Lo scarico della doccia è ancora un po lento


Devo andare in casa, nel bagno       ( io con l’occhi strabuzzati)


Quello li, con quelle scarpe li, è entrato dentro casa mia pesticciandomi da tutte le parti. Da notare che ieri sera (du punti):


-Avevo fatto le pulizie in tutto il reparto notte compreso di legnovivo ( o come cazzo di chiama) e lucidatrice


-Avevo pulito il bagno ( e visto che c’ero la lucidatrice l’avevo passata anche li.. ma le non fà)


-Avevo pulito il salotto e passato il trattamento per il cotto.. che lo sò solo io quant’è uggioso .. e quanto bisogna far attenzione dopo.


Direi che oggi , questa giornatina butta proprio bene……..

25 novembre 2004

U2 // HOW TO DISMANTLE AN ATOMIC BOMB


Love and Peace or Else


Sono un paio di giorni che ho preso questo cd, e che ronza piano nella mia macchina.. ancora non ho avuto modo di ascoltarlo come si deve e con attenzione.. lo lascio scivolare piano e lo ascolto nei piccoli spostamenti.. ma mi piace.. ance solo così ad un superficiale ascolto… specialmente questa la adoro proprio.. mi vien da muovermi ascoltandola.. c’è qualcosa che si scatena dentro me anche se sto fermissima al semaforo..   vorrei già sapere le parole.  Copertina nera con righe rosse, poche immagini sfocate come immagini offuscate da onde magnetiche.. bella grafica essenziale e pulita.. da stato di necessita primario.. d’altronde il disco ha un messaggio molto preciso..


Esco ti casa stamani.. apro la porta ed è tutto bianco. No non nevica– è la nebbia. Ma è talmente spessa che così non me la ricordo nemmeno. La ritrovo la macchina?? Si, forse. Ed è stupendo quando monti in macchina e accendi e parte la canzone che stavi cantando dentro di te. Questo mi fà impazzire.. e canto io. E canta la musica. E anche l’ape ha i retronebbia accesi. Auo che nebbia. I lampioni sembrano stelline lontane nel cielo. Tutto rimbomba.


Oggi è giovedì c’è il mercato. C’è stato il terremoto..


Ti voglio bene Tere, ieri sera avrei voluto dirti mille cose.. ma non sono stata capace di trovare le parole giuste per comunicarti i sentimenti di questi giorni. E mi spiace. Perchè sono cose importanti. Sono felice per sabato.

24 novembre 2004

Un po di cose


Arrivo li alle 11.25, mi danno i sacchettini celesti da mettermi sopra le scarpe. Mi dice “si accomodi pure”. Mi fà strada, mi siedo, già tremo. E’ tutto asettico , cotion e lattice in abbondanza .. tutto insacchettato.. anche la mia mente. Lei è una donna morbida e con aspetto dolcissimo. Truccata con cura, con ciglia a cespuglio. Chi sà che mascara è?


Mi guarda e poi tira fuori quel malefico arnese .. e io ALT. Anestesia..


Ma mi fà male lo stesso.. e mi accarezza quasi a volermi confortare.. è gentile.. e dentro di me sento che dovrei ringraziare.. ma non ce la faccio.. il dentista lo odio.


Pago ( con il bancomat!!!) Mi prendono appuntamenti per le prossime volte.


Mi sento la lingua come quella delle mucche.. lunga e sbiascicosa.. Anche la voce che parla dentro me, parla strana. Oimmena.. ah..


Ps per la prossima volta : i sacchettini celesti me li devo togliere quando esco e non appena lei mi dice di aver finito e io salto giù dalla seggiola con un saltello..


Pss: mi hanno fatto riempire un modulino in cui scrivere dati personali, medici  etc..  Ho palesemente mentino non barrando la casellina:  sei nervosa quando vai dal dentista..


Ma credo che se ne siano accorti anche da se.. e poi io non sono nervosa.. ma cosomai nevrastenica.. anzi nevroromantica..


Scusami se sono rospa. Sabato mi metto nei ceci.. almeno un quarto d’ora.


 


Chi sarebbe i sosia di ben??? (cioè.. ma ti rendi conto che per l’emozione potrebbe sballarmi il ciclo??)


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: