Archive for novembre 2004

24 novembre 2004








Ben Harper – Faded
 





You so easily amuse
like a pantomime
such a silent crime

You so easily abuse
lack of confidence
it’s your best offense

You so easily confuse
you can’t deny it
still you try to hide it

Faded
so faded
like a memory gone
there’s no recollection
Faded
so faded
like a forgotten dream
further than it seems

You so hastily defy
when you think you need it
you find a way to bleed it

You so hastily deny
pleading innocence
it’s your best defense

You so hastily reply
the moment that you said it
already regret it

Faded
so faded
like a memory gone
there’s no recollection
Faded
so faded
like a forgotten dream
further than it seems

Annunci

24 novembre 2004

Rannicchiata inseguo nuvole di sogni


Che scivolano accarezzando le mie dita


E come sabbia si perdono nell’aria


 


Rannicchiata rinchiudo speranze


E trattengo un calore viola


giunto inaspettatamente al mio cuore


 


Poi mi alzo e le bilie rotolano via


 


 

23 novembre 2004

Ve lo dico… oggi è una giornatina di quelle.


Ah si.. digià da subito ne avevo sentito la gentile fragranza.. da quella sveglia malefica che si accende su radio capital che a quell’ora li da sempre il telegiornale.. si perchè uno amerebbe svegliarsi con un po di musica.. no? E con la mi radiosveglia è impossibile.. xchè te la puoi regolare su qualsiasi stazione che vuoi.. ma a lei gli garba radiocapital.. e non sò come mai.. ma ritorna sempre li. E invece una volta quando ero piccina e vivevo ancora dalla mi mamma ce n’avevo una che era un mito.. nel senso che nn si poteva regolare l’ora perchè era rotta, e quindi diceva sempre l’ora sbagliata di qualche minuto, ma c’aveva la possibilità di svegliarti con un nastro che tu mettevi nel mangianastri.. e io lo mettevo nell’assolo di chitarra di Inuendo.. ma vuoi mettere… quella era goduria a livello 1 inoltrato.


E stamani invece bla bla bla del telegiornale — dai devi alzarti — uFFi.


E poi vado a far colazione, e mi scopro un buco nel dente. Si perchè io lo odio il dentista e non c’andrei mai. Ma se c’ho male devo andarci subito. E siccome la mia voglio cambiarla ho domandato a tutti da chi vanno e alla fine mi sono convinta che devo andare da una che c’ha la parola amore scritta dentro il nome. Cazzo.. quella non può farmi male, con quel nome li. Solo che devo aspettare fino a domani alle undicietrenta, sotto gli archi nel palazzo nuovo davanti al distributore, fai inversione dalla statale. Si, domani. Si ma io nn lo reggo sto buco in bocca fino a domani. Guasi Guasi mi ci metto una cilingomma.


Insomma potrò essere nevrastenica anche io , no?

23 novembre 2004

Potremmo starci a girare in torno una vita.. ma i giri di parole  non sono molto belli in questo caso..


Il progetto non è andato a buon esito


E’ stato rifiutato


Un c’hanno voluti


Nisba


C’hanno trombato ..per dirla fine.


 


E insomma a dilra tutta son delusa. Me ne sentivo la mamma, zia.. nipote a volte.


Questo blog è nato circa un anno fa, per gioco su una fragile amicizia . C’era il desiderio di raccontarsi di esprimere la propria creatività , il desiderio di condividere qualcosa con gli altri.


E la passione per la scrittura, per il raccontare, per le fotografie, i disegni, la musica  e l’arte intesa come molteplice forma di espressione.


Questa pagina è stata importante, ha raccontato un anno di vita. Passioni, storie, racconti, fotografie. E’ servita a far condividere sentimenti, emozioni , risate, giochi e anche scherzi. E’ stata lo specchio dei cambiamenti avvenuti, è stata il giradischi sul quale sono andati i nostri vinili, lo schermo delle immagini che avevamo negli occhi e nelle mani, è stata il terreno in cui fertili amicizie si sono impiantate e nutrite.


Tutto questo è stato condiviso con piacere.


 


 Ho sempre detto che per me scrivere è un sistema per appoggiare i miei pensieri sulla carta, per liberare il cuore dalle emozioni che troppo tumultuose lo agitano.


Continuerò a scrivere e a creare, a fotografare e a esprimere quello che sento e continuerò a cercare


di  comunicarlo attraverso i miei filtri.. a traverso la mia anima.


E non ci saranno vincoli e nono ci saranno regole come non ci sono mai state.


 


Devo ringraziare le persone che hanno contribuito in questo anno a rendere così bella questa pagina, sia da un punto di vista grafico ( io nn sarei mai stata in grado di renderla così “magica”) sia da quello umano.  Grazie per il tempo e l’impegno che avete dedicato alla “creatura”.


Ci sono tanti legami che sono nati, ci sono state lettere, discussioni, progetti.. tutto questo non è perso ma rimane in noi.Son sicura che tutto questo ha contribuito a far nascere qualcosa che ha avuto e che ha  un significato.


 

Serena.

22 novembre 2004

Ve lo dico, questa cosa dell’oroscopo sta diventando un lavorone..


Si, perchè mi rendo conto che sto incominciando a fare come quando si guardano i siti delle previsioni del tempo prima di andare a fare le immersioni… si cerca e si cerca fino a trovare quello che ci dà bel tempo anche quando in tutti gli altri si prevedono burrasche e mare forza 8. ( in assoluto www.meteo.it è il più ottimista.. sempre.. hahah).


Oggi sulla nazione il mio non mi piaceva tanto ( come se ci credessi..) ma visto che c’ero mi sono messa a frucare su internet.. e ne ho già letti setteootto tutti diversi.. mi sento un po confusa dal passaggio di venere in mercurio e un po influenzata dalla luna nella settima casa di giove..


Insomma fruca fruca sono riuscita a scovare questo.. e ho deciso che per oggi questo può andare bene per me… direi..


Cancro
La Luna si trova oggi in quadratura con il vostro segno. Vi sembrera’ che il lavoro o lo studio siano soltanto inutili costrizioni, per persone come voi. Per fortuna, oggi vivete anche il positivo movimento di Venere, che abbandona un transito disarmonico per donarvi grandissimo fascino.

21 novembre 2004

Lore che mi salta addosso… “babbo la Serena la sà montare la casina!!!” – Ma te sei diventato un rospino di palude??- mi guarda storto.. non vuole a dirgli rospo di palude.


Le pulizie in casa, spolvero nel salotto con retrugusti inaspettati. Una battiglia di Buttafuoco, la carne alla griglia.. le foto. Lui non resistre a vedere le foto dell’egitto .. scalpita, lui. E anche io..


le bustine di te alla cannella, il bastoncino di incenso, il fuoco nel cammino.


Una lista di ricordi che mi lascia con il sorriso sulle labbra.


Buona notte. Domani è Lunedì. 😉

18 novembre 2004

LONDRA


Queen – The Invisible Man


Partiamo dall’inizio.


Mi capita sempre di perder le cose, ero in Egitto e leggevo Barnum di Baricco.. lo leggevo piano perchè mi piaceva molto e non volevo finirlo.. e me ne mancavano solo una decina alla fine. E poi è il 21 agosto, ritorno a casa e il libro lo lascio dentro la valigia, e non lo ritrovo più. E mi rassegno. Ma poi si deve partire per Londra è venerdì sera e riprendo la valigia, si il trolli-come dice lei- Si quello che fà casino quando cammina. E insomma dentro ci ritrovo Baricco, non lui. Il libro. E sai una cosa Baricco? Vieni anche te a Londra con noi. Si infondo potrebbe venirne fuori un barnum.. nn porprio bello come i tuoi.. non so capace io.


Eccoci qua, è sabato mattina, aeroporto di Pisa, io piumino beige *Essa piumino beige. Lui piumino marrone * Esso piumino marrone. Tuttiequattroconilpelo. UAO. nEMMENO a Farlo APPOSTA.


Si monta si penge tutti i telefoni si vola nel cielo con le nuvole e gli uccelline belli, si passano le montagne di neve, le pianure di campagna, il mare celeste, le scogliere “bianche” e alla fine si arriva un’ora prima a Londra. Viaggio intramuscolare fra pianure verdi e casette con tetti marroni in un cielo che non è affatto grigio ma pieno di colori colorati. E guardo con occhi curiosi macchine al contrario e ascolto Axel Rose che piano ci accompagna. Mi rilasso.. sono in vacanza. Il nostro albergo è un alveare e noi siamo 4 apette che girano in cerca della casetta per depositare i nostri nettari. Giriamo, mangiamo, assaporiamo questo posto con lentenza.. vagabondi di sensazioni da afferrare. Calamita di emozioni assorbo voci, persone, musiche, sapori.. che rielaborerò in me nei giorni che devono venire..


Londra è bellissima.. il suo tesoro sono le persone.. le non regole..  ma la liberta. Questo è il suo spirito per me, spirito che non ha niente a che vedere con la rigidezza monarchica che uno si immagina. Le persone sono libere di vestire , pensare , girare, mangiare tutto al contrario.. e questo è magnifico.


Porto con me il piacere per aver condiviso questi giorni insieme..


Porto con me quei momenti nel parco .. Giocare con gli scoiattoli era il mio sogno già da un po.. indimenticabile la sensazione delle loro zampette nella mia mano.. la dolcezza nel sentirli mangiare nel mio palmo.. Porto con me il livido provocato da quel cigno.. malefico.. OI.


Porto con me la musica acoltata in metropolitana, la meraviglia nello scoprire cose nuove dietro ogni angolo.. i chitarristi i suonatori di flauto di violino..


Porto con me parole sussurrate nel buio.. che mi hanno fatto capire l’importanza e l’affetto.. e l’amore, ancora di più.


Sono stata bene. Porto tutto questo nel mio cuore, negli occhi e nelle mani.. e anche nei piedi….( hahah)





18 novembre 2004

Ora, il discorso è  uno.. sulla Nazione di stamani ho letto che  Friedman stasera è in concerto a Cavriglia..  ( pe chi nn lo sapesse è l’x chitarrista dei megadeth, anzi visto che ci sono metto su ” a tout le monde” una delle mie preferite..).


Ora, questa cosa la sanno solo alla Nazione.. perchè son alcuni minuti che smanetto su vari siti e nessuno sà nulla.. E io devo anche andare in piscina stasera…


Ma sarà vero??   Xchè se è vero mi spiacerebbe davvero troppo…

18 novembre 2004

E’ bello quando due persone raccontano la stessa cosa, ognuno annota la sue visioni, le sensazioni.. e si finisce per ascoltare due storie diverse che hanno in comune solo piccoli tratti, a volte. Come se non fossero stati gli stessi attimi condivisi.. ma poi infine si mescola tutto, un solo sapore, una sola visione.. e tutto si fonde in un’unico istante o in un’unica somma di istanti indimenticabili.


Questo io lo adoro.

17 novembre 2004

Cirisò.. ma nn ho tempo adesso per raccontare..


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: