Archive for settembre 2008

30 settembre 2008

Giorni di mare e di sole.
Giorni in cui non ho mai smesso di sentire musica dentro.
Strano come una singola frase possa rimanerti così impressa, così a lungo.

Posti colorati con il sapore di casa, altri angoscianti, quasi nefasti.

‘Mi sento come il soffitto di una chiesa bombardata’

Annunci

26 settembre 2008

Modalità concorsi ON.

Mesi fà ho capitolato e mi sono iscritta alla Fiaf.
Tralascio di descrivere la paura e il senso di smarrimento quando ho capito che era tipo un girone infernale.
Ho ceduto e mi sono lasciata risucchiare nel vortice dei concorsi fotografici.
E ogni volta è peggio che partorire, benchè la mia esperienza partoritoria sia assolutamente inferiore o uguale a 0.
Ho iniziato guardando la lista, ho lasciato che alcuni concorsi scadessero prima di decidere che foto inviarvi, infine mi sono decisa a decidermi e il 7 di settembre ho mandato via il primo plico.
Il truciolo d’oro. Ho atteso settimane infernarli per venire a conoscenza del fatto che non  avevo vinto e non ero stata ammessa. Si son presi pure la briga di scrivermi a casa per dirmelo.
Del mio circolo soltanto due autori sono stati ammessi, nessuno dei due ha vinto.
Mal comune mezzo gaudio?? No, a me mi rode punto e basta.
Poi ho spedito un’altro plico, la ricevuta non veniva mai indietro. A un certo punto ho pure pensato di essermi sognata che avevo spedito il pacco. Invece poi è ritornata. L’esito ancora non lo si conosce.
Domani parte il mio 3 plico. Stavolta è un concorso che si chiama Fotomusica. A questo dovevo partecipare per forZa.
E stasera al Mochi c’è il conorso mensile. Il tema è: portfolio.
Il mio Portfolio è in stampa. Sicuro che me lo  getteranno alle ortiche, ma a me nn importa.
Mi rendo conto che è da sadici ma quest’ansia da prestazione mi sta incominciando a garbare.

 


Cancro (21 giugno – 22 luglio)  

I giornali scandalistici hanno scritto che il cancerino Tom Cruise vuole farsi costruire un bunker da dieci milioni di dollari per salvare la sua famiglia quando si realizzerà una delle profezie di Scientology e il malvagio signore degli alieni Xenu attaccherà la Terra. Se la notizia è vera e Cruise ha preso seriamente in considerazione il progetto, gli consiglio di cominciare i lavori. Non voglio dire che l’arrivo di Xenu è imminente, ma che voi Granchi entrerete in sintonia con i ritmi cosmici se vi occuperete delle cose che vi danno più sicurezza, vi aiutano a sentirvi protetti e favoriscono la vostra felicità domestica

 

Qualcosa sulla vita

25 settembre 2008

Maledetto Nutini, ufficiale che mi sei entrato nel cervello. E lo sò che sei li che mi canti come una cornacchia nell’orecchio solo perchè non ho comprato quegli stramaledettissimi stivaletti marroni, sabato. Che tanto lo sò, non li ritroverò mai più.

Love New Shoes

24 settembre 2008

I giorni si susseguono, poi ne arriva uno più fragile degli altri e capisci che la vita e il benessere sono valori fugaci. In quel giorno anche solo stando in punta di piedi il contatto con la realtà è cosi spietato da rendere la tua immagine tremula come un riflesso.

 

 

(foto di Alberich Mathews )

23 settembre 2008

Sto cercando di comprare un biglietto aereo per andare non sò dove purchè costi 10 euro.
Ho voglia di mettermi la sciarpa di lana e di camminare in una città umida di foglie che cadono.
Forse i tetti di Parigi.
Ho visto un paio di guanti di lana con le maniche lunghe lunghe.
Ho voglia di carezze sui capelli, di un parrucchiere che trasformi la mia testa in una palla di cristallo.

22 settembre 2008

Ogni tanto mi metto a pensare alle cose che pensavo da bambina e mi sembra di non ricordarmi i sogni che avevo, i discorsi che facevo o le cose che avevo in mente. Si, a grandi linee mi ricordo molte cose, ma  vorrei ricordarmi "tutte le cose" perchè penso che i ragionamenti dei bambini siano cose meravigliose.
La parte che più mi manca rispetto ad allora è quella senzazione fantastica che provavo quando riuscivo a capire il meccanismo di una cosa, o anche quando riuscivo a imparare qualcosa per conto mio, con il solo uso della mia arguzia. Non importava quanto fosse grande la lezione imparata, ma nell’attimo in cui capivo una cosa mi sentivo potente, e quello mi piaceva.
Ora non accade più. Anzi, ora accade molto più raramente che lo stupore per aver capito una cosa mi dia sensazioni così forti.
Ieri c’era, in un paese vicino al mio, una festa che si chiama "In Strada". Com’è facilmente intuibile è la festa degli artisti di strada.
L’anno scorso per la prima volta ho esposto li delle mie foto, quest’anno mi sono limitata a passare una giornata mescolata fra la gente osservando e ridendo di quello che veniva mostrato.

Ma non solo.
Ieri sera un attimo prima di andare via sono passata davanti a una piazza in cui facevano provare i giochi, e da dentro di me è venuta fuori una vocina piccola piccola..

I trampoli.. i trampoli..

Ho impiegato diversi minuti per capire come salire su quei cosi.. e se non fosse stato per l’aiuto fornito dal mio essenziale maestro di trampoli, e più che altro grazie all’aiuto involontario del lampione li dietro, non sarei mai riuscita a salirci sopra.
Mentre ero sopra sapevo che stavo esaudendo uno dei miei songni di bambina e questo mi ha fatto provare un’emozione fortissima.

Non contenta, e molto euforica, ho voluto andare oltre e cimentarmi nell’uso di questo attrezzo spietato e pericolosissimo.
Anche stavolta i suggerimenti del mio essenziale maestro di diabolo sono stati necessari.. ma la lezione non ha avuto gli esiti sperati.

Guardate questa foto e sappiate che di li a poco, nel tentativo di far saltare in alto quell’attrezzo malefico, mi sono beccata una cignata assurda, direttamente in fronte, da quello stamaledetto coso.

M’è venuto un bernoccolo che nemmeno a braccio di ferro gli venivano così..
Mi sono guardata in torno temendo che  arrivasse  mia nonna Emma con un foglio di carta gialla inumidito e del bicarbonato di sodio da mettere sopra il bernoccolo.. Temendo e sognando che avvenisse, proprio come quando avevo 6 anni.

21 settembre 2008

Ho chiesto a un uomo dalle gambe lunghe di sollevare in alto  il mio cuore.
Ma ha detto che gli faceva male la schiena e non poteva portare in alto una cosa così pesa.
Eppure a volte basta così poco per farlo volare..

19 settembre 2008


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Il fugace incontro con la sublime saggezza ha fatto miracoli per Paris Hilton. "La cabala ti aiuta ad affrontare le tue paure", ha dichiarato alla rivista Us. "Per esempio, se presto dei vestiti a una ragazza che non me li restituisce e mesi dopo vedo che li indossa ancora, glielo faccio notare". Lo so che fa ridere, ma la testimonianza di Paris è un esempio perfetto di quello che voglio dirti: devi sfruttare in maniera pratica la tua religione o la tua spiritualità. Cerca di tradurre i tuoi più alti ideali in azioni quotidiane. Che significherebbe, per esempio, invitare Dio a incarnarsi nelle tue labbra quando baci qualcuno? O cucinare come se volessi offrire quel cibo a un santo che adori? O pronunciare ogni parola come se fosse una preghiera meravigliosa? E poi chiediti venti volte al giorno: che farebbe Budda (o il tuo eroe preferito) al tuo posto?

18 settembre 2008

Ho appena trovato questo video, e nascosta da quel buio fra quelle urla si sono perse le mie.
Ancora non ho terminato di catalogare le emozioni di quella notte.
E’ da un paio di giorni che ho ritirato i rotolini della holga e che mi lascio scorrere fra le mani le immagini di questa estate. E’ vero, le foto stampate hanno tutto un altro sapore.
Quella di seguito, fra tutte le foto fatte, è una di quelle a cui tengo di più.

Massimo Volume, Urbino 10 Agosto 2008

17 settembre 2008

Scazzi vari ed eventuali.

Ieri sera m’è capitato di vedere questo ennesimo spot della  nostra carissima, simpaticissima, "pseudointellectualoide" Letizietto

Non sò voi, ma per l’ennesima volta ho rabbrividito davanti a questi messaggi pubblicitari che non hanno altro scopo che rimbecillire ulteriormente chi guarda la tv.
Cosa dice questo spot:

Da quando ci sei tu non siamo più gli stessi,
basta guardarsi intorno.
Nessuno scrive più come una volta
Nessuno di ferma più ad una cabina
Parliamo come pazzi e scattiamo più foto di un fotografo
Ormai è chiaro ci state cambiando.
Ma anche noi possiamo cambiare voi.

In pratica
Da quando la gente è fusa con i telefoni è cambiato il modo di comunicare
che purtroppo si è trasformato in qualcosa di frettoloso e a cui si dà poca importanza.
Tant’è vero non si trova mai il tempo per fare quello e basta ma lo si fà mentre si fanno altre 100 cose.
Parliamo come pazzi e abbiamo la mania di fermare tutto.. ma senza viverlo nel profondo ma solo in maniera superficiale.
Ormai è chiaro che ci state cambiando in peggio oserei dire.
Ma siccome la tre mi da i quattrini allora va bene così.

MAtelovaffanculo Letizietto, intellectualoide dei miei coglioni.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: