Ogni tanto mi metto a pensare alle cose che pensavo da bambina e mi sembra di non ricordarmi i sogni che avevo, i discorsi che facevo o le cose che avevo in mente. Si, a grandi linee mi ricordo molte cose, ma  vorrei ricordarmi "tutte le cose" perchè penso che i ragionamenti dei bambini siano cose meravigliose.
La parte che più mi manca rispetto ad allora è quella senzazione fantastica che provavo quando riuscivo a capire il meccanismo di una cosa, o anche quando riuscivo a imparare qualcosa per conto mio, con il solo uso della mia arguzia. Non importava quanto fosse grande la lezione imparata, ma nell’attimo in cui capivo una cosa mi sentivo potente, e quello mi piaceva.
Ora non accade più. Anzi, ora accade molto più raramente che lo stupore per aver capito una cosa mi dia sensazioni così forti.
Ieri c’era, in un paese vicino al mio, una festa che si chiama "In Strada". Com’è facilmente intuibile è la festa degli artisti di strada.
L’anno scorso per la prima volta ho esposto li delle mie foto, quest’anno mi sono limitata a passare una giornata mescolata fra la gente osservando e ridendo di quello che veniva mostrato.

Ma non solo.
Ieri sera un attimo prima di andare via sono passata davanti a una piazza in cui facevano provare i giochi, e da dentro di me è venuta fuori una vocina piccola piccola..

I trampoli.. i trampoli..

Ho impiegato diversi minuti per capire come salire su quei cosi.. e se non fosse stato per l’aiuto fornito dal mio essenziale maestro di trampoli, e più che altro grazie all’aiuto involontario del lampione li dietro, non sarei mai riuscita a salirci sopra.
Mentre ero sopra sapevo che stavo esaudendo uno dei miei songni di bambina e questo mi ha fatto provare un’emozione fortissima.

Non contenta, e molto euforica, ho voluto andare oltre e cimentarmi nell’uso di questo attrezzo spietato e pericolosissimo.
Anche stavolta i suggerimenti del mio essenziale maestro di diabolo sono stati necessari.. ma la lezione non ha avuto gli esiti sperati.

Guardate questa foto e sappiate che di li a poco, nel tentativo di far saltare in alto quell’attrezzo malefico, mi sono beccata una cignata assurda, direttamente in fronte, da quello stamaledetto coso.

M’è venuto un bernoccolo che nemmeno a braccio di ferro gli venivano così..
Mi sono guardata in torno temendo che  arrivasse  mia nonna Emma con un foglio di carta gialla inumidito e del bicarbonato di sodio da mettere sopra il bernoccolo.. Temendo e sognando che avvenisse, proprio come quando avevo 6 anni.

Annunci

2 Risposte to “”

  1. anonimo Says:

    Se tu hai un bozzolo non oso immaginare quelli che ti stavano intorno 😀
    Baol

  2. Fatabugiarda Says:

    maligno!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: