Archive for aprile 2010

30 aprile 2010

Oggi mi sembra la giornata ideale per cominciare ufficialmente la stagione ciabattifera 2010.
Occasione veramente ufficiale perchè la comincio rinnovando un paio di ciabattine tutte fiorite di vernice.
Via, devo darmi lo smalto nei piedi.
Ho appena letto l’oroscopo di Brenzi.. e ora vo subito a comprare un gratta e vinci.

Stasera si parte per il mare. Ovviamente il tempo sta cambiando. 😀


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Questa è la regola più importante che devi rispettare la prossima settimana: tieni lo sguardo fisso sull’immagine del tuo splendido destino. Se lo farai, sarai imperturbabile, instancabile e irrefrenabile. Avrai così tanta fortuna da spaventarti. Le nobili azioni che hai compiuto in passato saranno ricompensate come meritano. I tuoi alleati ti aiuteranno, a volte in maniera inaspettata. Non sto esagerando, Cancerino. Se rimarrai concentrato sul traguardo più alto, la tua vita diventerà magica.

29 aprile 2010

Manca poco e io ho solo bisogno di poter di nuovo essere dentro il tuo blu.

Someday prendo un nastro rosso
sarà come tu lo vuoi
il mio cerchio azzurro e verde
non traspare limiti
someday prendo un pesce rosso
involucri di plastica
vado in centro e mi rifletto
in lenti divergenti blu
someway walking nelle piazze
watchin’ cielo elettrico
sotterraneo e silenzioso
corre un cavo verso sud
something splitting in fase neutro
fast connection – subito
l’elio è sazio e sta inglobando atomi di idrogeno
god bless me
tungsteno e aria
painting mondo sopra tela
zooming in togliattigrad
reaching bunker sotterraneo
stepping nell’oscurità
pulling filo interruttore noting luce unusual
satellites as lampadine
bruciano in the universe

26 aprile 2010

Quattro. Pesanti come un colpo.
"A Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio".
Ma uno come me dove potrà ficcarsi?
Dove mi si è apprestata una tana?
S’io fossi piccolo come il grande oceano,
mi leverei sulla punta dei piedi delle onde con l’alta marea,
accarezzando la luna.
Dove trovare un’amata uguale a me?
Angusto sarebbe il cielo per contenerla!
O s’io fossi povero come un miliardario.. Che cos’è il denaro per l’anima?
Un ladro insaziabile s’annida in essa:
all’orda sfrenata di tutti i miei desideri
non basta l’oro di tutte le Californie!
S’io fossi balbuziente come Dante o Petrarca…
Accendere l’anima per una sola, ordinarle coi versi…
Struggersi in cenere.
E le parole e il mio amore sarebbero un arco di trionfo:
pomposamente senza lasciar traccia vi passerebbero sotto
le amanti di tutti i secoli.
O s’io fossi silenzioso, umil tuono… Gemerei stringendo
con un brivido l’intrepido eremo della terra…
Seguiterò a squarciagola con la mia voce immensa.
Le comete torceranno le braccia fiammeggianti,
gettandosi a capofitto dalla malinconia.
Coi raggi degli occhi rosicchierei le notti
s’io fossi appannato come il sole…
Che bisogno ho io d’abbeverare col mio splendore
il grembo dimagrato della terra?
Passerò trascinando il mio enorme amore
in quale notte delirante e malaticcia?
Da quali Golia fui concepito
così grande,
e così inutile?

Le guance si colorano al primo sole, gli occhi si abituano al blu.
Ieri tanti pesci. Anche un culo colorato.
Nella seconda immersione c’era così poca visibilità che sono andata lunga un paio di cale.
Grande.
Sono stati due giorni densi di pensieri. Osservare le persone a volte fà dimenticare i propri affanni, altre volte è semplicemente deprimente.
Stamani vorrei essere di nuovo alla Giannella a leggere un libro e fare la lucertola per tutta la mattina.
Stamani vorrei essere di nuovo a venerdì per poter rivivere ancora questi utimi due giorni.

19 aprile 2010

Finalmente, finalmente ritorno sott’acqua.
Passo indietro, anzi no, passo del gigante. 😀
La muta mi sta sempre più stretta ma si chiude ancora.
I capelli stanno cominciando ad essere ingestibili.
Aggancio il vis della stagna e si inizia.

Domenica mattina. E’ la prima volta che mi ritrovo di mattina presto all’appuntamento al parcheggio.
E siamo  in tanti. Oggi è giorno fine corso Open e Buddy.
L’associazione ha preso da poco un furgone e l’aria da gita penetra dentro di me.
Il percorso verso il mare è sonnacchioso. Osservo la strada scorrere ed essendo più alta riesco a vedere il tutto da un’angolazione diversa.
Mi emoziono al ponte di petriolo che per metà è illuminato dal sole e per metà immerso nella nebbia.
E’ la visione della realtà che entra nel sogno.
E un sogno è stata questa giornata.
Molte persone stanno crescendo e questo mi da profonda gioia.
Gli esami sono antati bene e siamo stati fortunati sia nella prima immersione che nella seconda.
Sotto la caletta ho avvistato tre gallinelle, non le avevo mai trovate in acqua. Hanno un mimetismo incredibile. Se non fosse per quella sottile strisciolina azzurra che hanno sulle ali non sarebbe possibile riconoscerle.
Nella seconda montiamo in gommone all’ora di pranzo.
La costa scorre per la prima volta nei miei occhi quest’anno.
La luce perpendicolare non lascia molto spazio alle ombre.  Il mare è di un blu denso.
Annuso il profumo del mare e sorrido.
Sono l’ultima ad entrare in acqua e gli altri hanno già freddo.
Mi tuffo e nuoto per raggiungerli.

Sgonfio il gav e mi stupisco di nuovo di come ritrovare certi movimenti mi sia così familiare.
MI allungo per stirarmi. Sto cominciando ad apprezzare a pieno il nuovo gav.
Non sento freddo, ho solo il cuore in gola per l’emozione di essere di nuovo nel blu.
Il corallo oggi è tutto fiorito. E’ uno spettacolo che non mi stancherei mai di guardare.
Una bella corvina si è nascosta sotto l’arco e nuota placida.

Tutto fila liscio.
Gli utlimi dieci minuti di immersione li passo con il volto riverso in alto sulla parete in cerca di Barracuda.. ma aimè non abbiamo fortuna..
Ed ora che la via per il mare è ritrovata non mi resta che attendere domenica per nuove ed esilaranti avventure.

Me sorride.

17 aprile 2010

Ho la mente un po lente e un po lenta stamani.
Ho dormito poco.
Passare il sabato mattina a sitemare la banca non fà bene. Sorrido.
Ieri sera sono andata a vedere uno spettacolo che mi ha emozionato e impressionato molto.
Lo spettacolo racconta la storia di un uomo che è figlio di due malati di mente vissuti nel manicomio di Arezzo prima della legge Basaglia.
Io conosco molto poco di questo argomento  e molte domande sono rimaste dentro di me.
E’ rimasta anche l’emozione per una storia molto coinvolgente e ben narrata.
Ben musicata.
Una serata veramente densa di emozione.
http://www.youtube-nocookie.com/v/NEhkrcNeGAA&hl=it_IT&fs=1&rel=0

16 aprile 2010


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Partiamo dalle cose che non devi fare: non diventare vittima di quello che hai conquistato; non lasciare che il successo ti opprima; non diventare schiavo di un ruolo che ti sei guadagnato; non trascurare le tue
necessità per soddisfare quelle delle persone che ammirano la tua generosità. E ora passiamo a quello che devi fare: chiediti se il frutto delle tue vittorie ti appaga; assicurati che i trionfi del passato non intralcino i successi del futuro; cerca di scoprire come devono evolversi le tue conquiste; vai oltre ciò che è buono e punta all’eccezionale.

Mhà.
Non so che dire….dici che forse devo puntare alla Rs6 Berlina??
Mi sembra un po esagerata…
Forse al posto della casa potrei comprare la macchina.
Magari compro anche una roulot da attaccarci dietro eppoi sò apposto.
C’ho la fissa con le doppie pi??
Approposito.
Stasera in un certo senso si ristabilisce l’ordine naturale delle cose.
Domani devo fare le pulizie e non ppulizzie.

E poi domenica finalmente si va coi capo sott’acqua. 😀

15 aprile 2010

Un paio di sabati fa, giarando desolata nello scaffale dei libri dell’Ipercoop mi sono imbattuta in questo e l’ho preso senza nemmeno leggere il titolo. Il nome dell’autore era più che sufficente.
Il cartoncino giallo che rilegava il libro parlava del ritorno alla musica di Horby e un attimo dopo aver letto questa informazione ero già felice. Perchè in fondo basta poco a farmi felice dentro uno dei miei microcosmi.
Credo di aver lungamente parlato in queste pagine [in effetti il blog non è composto da pagine.. ma facciamo finta..] di "Alta Fedeltà" e di quanto io sia legata a quel libro.
Ho iniziato a leggere Juliet Naked [il titolo originale è di gran lunga migliore dell’inspiegabile traduzione]
e mi sto divertendo molto.
E’ un libro appropriato a questo periodo. Parla di due quarantenni in crisi. Parla di un fissato per la musica che insegue il suo eroe che è assente dalle scene da una ventina d’anni.
Horby racconta molto bene una situazione che sento molto vicina non dimenticandosi mai di trattare con molta ironia le fisse e il carattere dei protagonisti.

Ottima lettura.
Ottima lettura.

14 aprile 2010

Credo proprio che non potrò averti…

13 aprile 2010

E’ stupido voler bene alle cose, ma ci sono cose a cui io ne voglio molto e c’è una di queste cose che in questi ultimi dieci anni è stata veramente un’estensione di me. Un’estensione blu di me. E non a caso.
Parlo dell’Alfa.
L’Alfa sta per volare a miglior vita e io sono veramente molto addolorata per la sua dipartita.
L’alfa è stata la mia compagna. E’ stata la macchina con cui ho fatto il mio primo viaggio in solitaria.
E’ con lei che ho viaggiato verso tanta musica, verso le cose che in questi anni ho amato tanto.
E’ stata la compagna dei viaggi in montagna, al mare. E’ venuta alla Sardegna, a Urbino, a Montegranaro.
L’Alfa la amo perchè è veramente una parte di me.  Blu come il mare.
Ma aimè i suoi duecentomila km si fanno sentire e al momento più che una macchina sembra un condominio di uccellini.
Allora in questi giorni ho cominciato a informarmi sulla sua sostituta e non potendomi permettere uno splendore del genere ho deciso che poca differenza fà fra una macchina e un’altra quando non puoi permetterti quella che ti piace sul serio.
Ero partita con una lancia Y vista la promozione in tv, ma appena andata dal concessionario il pensiero si è dirottato immediatamente sulla Musa.
Ho fatto ben tre giri di concessionari Lancia prima di capire qual’era l’allestimento, la motorizzazione e il costo.
Quando ero già totalmente sicura che volevo la Musa ho visto in televisione la pubblicità della Mercedes classe A in promozione il 17/18 Aprile.
E li ho cominciato a vacillare.. perchè la Musa è la Musa.. ma la Mercedes è la Mercedes.
Di li a poche ore, sembre guardando la televisione mi sono imbattuta anche negli Ecoincentivi Renaul.
E li mi sono innamorata della Megane Berlina/ coupè/Sportour fra le quali non so quale scegliere che mi piacciono tutte e tre per motivi diversi. E indovinate???? Sabato e domenica anche alla Renault ci aspettano a braccia aperte.
Dopodi che mi sono avventurata nel sito della Citroen per scoprire che anche li fanno le offerte rottamazione evvia con la C3 e l C4….

Sinceramente unne posso più.
Non so cosa scegliere e più che altro mi domando:

Ma come mai le uniche due marche di cui mi piacciono seriamente le macchine sono le uniche due che non fanno sconti rottamazione??

Sabato il Concessionar Tour

9 aprile 2010


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Probabilmente l’immagine pubblica di molte celebrità non corrisponde a come sono in realtà. Per esempio, l’attrice Megan Fox è considerata da tutti una dea del sesso. Ma, come ha confessato alla rivista Harper’s Bazaar, è stata a letto solo con due uomini e non concepisce l’idea di fare sesso con una persona che non ama. A Megan non importa di avere una reputazione così diversa dal suo vero io, ma non si può dire lo stesso di te, soprattutto in questo momento. Ti consiglio di fare tutto il possibile per armonizzare l’immagine di te che proietti all’esterno con la tua versione interiore.

Senti Brenzi sinceramente se c’è una cosa che cerco diu fare in questo momento è quella di strafregarmene allegramente di quello che la gente pensa, dice, commenta etc.
Io sono quello che sono e non lo sono di certo perchè qualcuno lo dice o lo pensa.Quelli che devono sapere sanno e del resto non mi frega assolutissimamente una strameletta sega.
Evviva la finezza.
Eppoi non sono così vippe via.

E per la serie stasera mi sbonzo di brutto..


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: