Archive for maggio 2010

31 maggio 2010

Mi dicono spesso che quando scatto entro in uno stato in cui non esiste nient’altro che la fotografia.
Era tanto tempo che non mettevo più l’occhio dentro il quadratino.
E’ stato bello perdersi dentro la stazione Leopolda sabato.
A un cm da loro. Non so in fondo cosa mi abbia emozionato di più, ognuno di loro era come una bolla a se stante e nello stesso tempo la musica univa tutto. Era strano.
Un concerto che ho gustato soffermandomi su mille particolari.
E poi c’era un cagnolino mezzo stordito dalla gente e dalla musica che continuava a venirmi vicino e ad appoggiarsi alle mie gambe con la schiena voltando il musetto verso di me come a dire: Aiutami!
😀

Annunci

28 maggio 2010


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Hai la sensazione di essere un impostore? Cominci a preoccuparti di non essere quello che dici di essere? Se è così, voglio ricordarti cos’è successo l’ultima volta che hai vissuto questi stati d’animo. Ti sei sentito supermotivato a dimostrare che sei quello che dici di essere. E l’effetto è stato meraviglioso, ricordi? Hai potuto individuare e sfruttare risorse alle quali non sapevi di poter accedere, ti sei liberato di qualche illusione e hai ribadito il tuo impegno a essere sempre rigorosamente autentico. Perché non fare il bis?

No Brenzi queste seghe mentali al momento sono ben lontane dalla mia testa.
So esattamente chi sono, dove sono e perchè. Conosco le mie colpe e i miei meriti.
L’altro giorno in una puntata di Grace Anatomy la voce narrante che parla all’inizio e alla fine della puntata diceva che quando si scala l’Everest a nessuno importa delle foto durante la scalata perchè l’unica foto che desiderano gli scalatori è quella di loro stessi in cima alla vetta.
Trovo che questo modo di pensare sia assolutamente lontano da me.
Le cose che ho fatto e che farò sono assolutamente fondamentali per il risultato raggiunto.
In fondo si passa molto più tempo cercando di raggiungere l’Everest che sulla cima dell’Everst stesso, quindi il durante deve avere per forza un valore. E poi ci saranno sempre Everest più alti da scalare e senza le nozioni che si apprendono scalando non riusciremo mai ad andare avanti.
Non so come sono finita in questo discorso.. probabilmente era per dire che questo periodo, seppur duro ha il suo carico di nozioni da conservare con cura.

La mia piccola vacanza si avvicina..

27 maggio 2010

Perchè nella vita c’è estremo bisogno di bellezza e poesia.

Camminare senza chiedersi perchè.

25 maggio 2010

Non c’è rimedio.. qui siamo definitivamente entrate ni trip.

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

[15.25.07] Serena: Sei pronta per il pollo??

[15.47.56] *Teresa*: eheheh..nn psicologicamente

[15.48.09] *Teresa*: cioè.. e se poi fa schifo?

[15.48.19] *Teresa*: mi sono stampata la tua ricetta

[15.57.48] Serena : OCCOME  fa SCHIFO???!!

[15.57.50] Serena : impossibile

[15.57.56] Serena : il pollo arrosto non fa schifo mai

 [15.58.04] *Teresa*: 🙂

[15.58.16] Serena : te fai finta di essere la Yung

[15.58.21] Serena : disseziona il pollo

[15.58.30] Serena : estrai il cuore e dallo a quelli per il trapianto

[15.58.43] Serena : togli il fegato e i polmoni e dallo a quelli per il trapianto

[15.59.24] Serena : Poi condisci con sale salvia e pepe e metti in forno..

[15.59.33] Serena : vedrai che sarà strabuono.. 😀

In effetti io e te siamo un po come La Grace e la Yung.. e io ne sono felice.

21 maggio 2010


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

Ho l’impressione che ti sentirai un po’ costretto nelle prossime settimane, Cancerino, se non addirittura prigioniero. Per questo ti consiglio di sfruttare a tuo vantaggio la situazione. Invece di piangerti addosso e lasciare che la tua anima sprofondi nel buio della notte, prova a immaginare di essere un eremita che è temporaneamente agli arresti domiciliari in un elegante chalet dotato di tutte le comodità. Considera questa “prigionia” come un’opportunità per cominciare il tuo capolavoro, per migliorare le tue capacità di meditazione o per leggere un libro. Non ci crederai, ma questo momento di privazione potrebbe essere una delle cose migliori che ti siano capitate da molto tempo.

Carissimissimo Brenzi, il libro che sto leggendo adesso è "l’orribile attesa del giudizio universale".
Ebbene si è una minchiata incommensurabile, ma veramente una minchiata incommensurabile e non ho capito bene come ho fatto a comprarlo e nemmeno il perchè io l’abbia comprato ma tant’è..
Però devo dire che tre o quattro cose scritte in questo libro mi hanno fatto molto ridere, questo devo riconoscerglielo.
Nel frattempo devo raccontarti che oggi è venerdì, che io ho un paio di sandali nuovi molto da vamp di color cipria e che il tarlo della borsa nuova si è impossessato dell’unico neurone celebrale sopravvissuto.
Lo so che in questo momento non è veramente il caso di spendere 400 euro per una borsa in vitello stampato rosa di Furla… ma il tarlo sta tartassando il neurone e io non so se sarà in grado di resistere.. e per quanto tempo.
Poi so una sega cosa me ne fò di un paio di sandali color cipria.. e della borsa che di sicuro non ci starà nemmeno bene insieme ..
Ok.. casomai faccio un giro allo Spaccio..

Hahahaha.

Maledette Femmine.

20 maggio 2010

Allora.. sarò piuttosto spicciativa ed espilicita:

Carissima Giusi Ferreri.. così si omaggia un artista, non con quel troiaio che hai fatto te.

19 maggio 2010

Mi sono innamorata di questa pubblicità la prima volta che l’ho vista.. era impensabile il contrario.
Colui che l’ha pensata è un genio. Certo non un genio come quello che ha scoperto la pennicellina o che ha concepito la ricetta del dolce al mascarpone.. ma pur sempre un genio.
fatto sta che per un caso del tutto fortuito la mia lavatrice indesit acquistata un anno fà ha pensato bene di sbalestrarsi prematuramente e l’assistenza me la sostituisce con una di queste.

Mi dai bere, mi dai da mangiare, mi fai dormire, mi vuoi bene.. mi porti dai pesciolini?

17 maggio 2010

Giorni di nuvole e maldischiena, specie di mattina.
I finesettimana sono giorni in cui imparo nuove abitudini.
Risvegli pacati, pulizie frenetiche.
Ieri mattina ho rincorso il sole per perderlo al momento di uscire in giardino.
I miei fiori stanno affogando.
Non ne posso più di questumidità terrestre.
Mi manca l’intromettermi nell’umidità marina.

Ho sognato di camminarti accanto in via Roma. Il tramonto colorava il cielo di blu.
Parlavamo camminando piano come due animali raminghi.
Era una sensazione di pace, era strano.
Mi sono venute in mente mille sensazioni tutte insieme e insieme, dopo un attimo, sono volate via come quel pizzicore che ti sale al naso quando bevi il primo sorso di cocacola.

13 maggio 2010

12 maggio 2010

Ieri sera dopo tanto tempo sono tornata a fare lezione.
E’ stato buffo risentire quella scarica che mi dà il piacere di condividere le cose che amo.
Tendo a dimenticarmi il piacere delle cose quando mi manca a lungo.
Nelle ultime uscite in mare mi sono accorta che sono arrivata a un punto in cui la tenzione iniziale che provavo è totalmente svanita.
Tutto questo è notevolmente bello.. e la voglia di mare aumeta.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: