Sapevo che l’effetto "interrogazione quando non so una sega" sarebbe arrivato.
Lo sapevo perchè mi conosco.
Tu mi sfotti quando ti dico che ho consapevolezza delle cose, e io non ti credo quando mi dici che mi distacco dalla realtà.
Conosco la geometria dei miei sentimenti.
Le cose reali sono quelle che si toccano con le mani.
Sono le mani che stringono le tue quando ti senti smarrita.
E’ la bellezza del silenzio nei momenti in cui si prova dolore.
E’ il non dover stare a spiegare perchè ci si sente male e bene nello stesso tempo.
E’ essere quello che si è senza doversi schermare.

Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone
[ Italo Calvino – Le Città Invisibili]

Una Risposta to “”

  1. anonimo Says:

    Adoro quella frase, è una delle frasi che sento più mia in assoluto!Baol

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: