Archive for luglio 2010

30 luglio 2010


Una sensitiva del Colorado è stata arrestata per truffa. Sembra che Nancy Marks andasse in giro a dire alle persone che il loro denaro era infestato dagli spiriti maligni, e che la soluzione migliore era darlo a lei. La polizia sostiene che Marks era riuscita a racimolare 290mila dollari. Il mio messaggio per te, Cancerino, è diverso dall’avvertimento della sensitiva: il tuo conto corrente è benedetto dal cielo. Almeno temporaneamente, questo ti rende una sorta di calamita per i contanti. Approfittane! Ripeti il mantra: “Oh, dammi un po’ di grana”.

Brenzi, te lo dico, non sei simpatico.
Un”è il caso che tu scherzi su quest’argomento, di questi tempi.
Ho fatto la corsa per controllare la schedina di superenalotto.. e visto che non mi hai fatto vincere ci sono anche rimasta delusa.
Sei birbo via..
Calamita per i contatti.
E c’ho le mani che in confronto Padre Pio era un ragazzo.
Via.

29 luglio 2010

Le luci erano bellissime.
Ormai sono schiava delle immagini e anche quando non ho la macchina fotografo ugualmente con l’immaginazione.
Attendo i movimenti delle luci, i gesti, il fumo.
Sono schiava.

lo sai che ancora ho ancora un cuore dentro

28 luglio 2010

.. forse la soluzione è farmi ingessare il collo…

.. così sarò costretta a guardare soltanto in avanti…

A Sangue Freddo.

26 luglio 2010

Accorgersi ad una settimana dalle ferie che invece tutto slitta e serviranno due settimane prima delle ferie non è una bella cosa. Specie se uno ha le palline gonfie come le mie.
Già, è lunedì.
Il bilancio è chiuso, l’iva anche, ma le scarpe da spedire no.
A pensarci bene non ho nemmeno un paio di scarpe nuove per me.
Questo è strano.
E’ quasi agosto.
Due settimane mi sembreranno lunghissime.

21 luglio 2010

Non so se mi sono spiegata…

20 luglio 2010

Tempo fa i sono graffiata con lo spino di una rosa sul dito indice della mano sinistra.
Era un graffo superficiale che mi aveva sbrindellato l’epidermide maldestramente. Ma era così superficiale che non uscì neppure del sangue. Mi venne una crosta molto spessa che partiva dalla noccola e saliva fino a metà della seconda falange.
Ora sono guarita ma sulla pelle è rimasto un rigo evidente che come una strana ruga segna il mio dito abbronzato.
E’ buffo che la mi pelle sia rimasta marchiata da una cicatrice così villana.

19 luglio 2010

Ieri per la prima volta in vita mia ho preso in mano un polpo.
Sono una fifona.. lo so. Era buffo.. l’ho preso per una zampina e lui mi si è avvitorcolato intorno al braccio.
La Cecilia urlava dentro l’erogatore qualcosa tipo: "NO SERE NON LO FAREEEEE"
Il polpo tentava di togliere la zampetta dalla mia stretta leggera, tipo cavatappi, mi ha sputato un po di nero e io l’ho lasciato andare via.
Ma questo alla seconda immersione.
La prima l’abbiamo fatta al Remaiolo. Ottima immersione. C’erano dei denticioni grossissimi che si sono lasciati avvicinare ad un metro. Ovviamente l’unica volta che non c’ho la macchina avviene che arrivano i denticioni e si lasciano avvicinare a un metro.
La seconda l’abbiamo fatta ai picchi di Pino.
Bellissima immersione piena di colore e pesce. Abbiamo visto un grongone grosso grosso e tante murene, uno scorfanone, molti saraghi e poi spugne coloratissime, e un branco di salpe scintillanti.
Sono tutta rossa rossa.
Sono tutta contenta contenta.
Ripetere le cose due volte, dopo ieri, è un passaggio necessario.
Anzi no, necessario necessario.

😀

16 luglio 2010


Cancro (21 giugno – 22 luglio)

“Dacci oggi la nostra fame quotidiana”, pregava il filosofo francese Gaston Bachelard. Era la sua versione personale della frase del Padre nostro “dacci oggi il nostro pane quotidiano”. La prossima settimana ti consiglio di adottare la formula di Bachelard, Cancro. È il periodo ideale per realizzare i tuoi santi desideri: un momento in cui la tua salute fisica e mentale sarà più florida che mai se ti sintonizzerai sui tuoi desideri più giusti e li esprimerai con forza.

Esistono delle notti in cui è sufficente che un uomo si sieda su una sedia bianca di quelle che c’erano nelle scuole una volta e, accompagnandosi con la sua chitarra, riesca a creare suggestioni intense e  bellissime.
Tutto questo accade per una semplice ragione.
Accade perchè quest’uomo ha qualcosa da raccontare e il talento per farlo.
I grandi mezzi a volte sono superflui quando c’è ricchezza di contenuti.
Accade quindi che in  una notte  d’estate sia sufficente che un uomo si sieda su una sedia bianca, di quelle che c’erano nelle scuole una volta, e accompagnandosi con la sua chitarra riesca a creare suggestioni intense e bellissime facendo emozionare tutte le persone che ha di fronte.

Petit Fotoset

14 luglio 2010

E’ che a volte le cose non le dico non per mancanza di argomenti o profondità.
E neppure perchè ho timore della discussione.
E’ che molte volte sono cose talmente personali che non mi sognerei mai di domandarle ad una persona che non conosco bene. E tantomeno potrei confidarle.
E’ che penso che certe cose dovrebbero essere di assoluto dominio di chi le prova perchè in fondo, chi non le prova, neppure con la più fervida immaginazione potrebbe immaginarsi quello che si sente.
Ecco perchè non mi sogno nemmeno lontanamente di far domande personali agli sconosciuti, e a volte neppure a quelli conosciuti.
E non è per pigrizia o altro, è solo rispetto.
E’ che non sono curiosa.
E’ che non mi piace spettegolare.
E’ che ho rispetto per i sentimenti degli altri anche quando non se lo meritano.

Ecco perchè stamani ti ho detto in soldoni di farti i cazzi tuoi.
E’ che non mi fido di te e non ti racconterei nemmeno cosa ho mangiato per cena ieri sera.

E’ che a volte certe risposte che do sono altamente soddisfacenti.
E’ che devo farlo più spesso.

13 luglio 2010

Vorrei sapere di avere ancora miliardi di sere come quella di ieri sera, e invece non sarà così.
E ci soffro.
http://www.youtube-nocookie.com/v/hgZ_s-8xQ54&hl=it_IT&fs=1


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: