Archive for settembre 2010

30 settembre 2010

Stamani c’erano 6 gradi,
oggi ho messo le scarpe con le calze per la prima volta.
E’ ancora settembre.
I pulcini sono diventati pollettini spelacchiati.
A casa ho un conto aperto coi ragni che a volte neutralizzo con l’anticalcare.
La coperta beige mi abbraccia di notte.

29 settembre 2010

Stamani mattina ho temuto di essere su scherzi a parte. Poi mi sono ricordata di non essere vip e che quindi quella non era un’opzione probabile.
Alle persone come me non capita di ricevere dichiarazioni di apprezzamento da sconosciuti che ti seguono ..
Mi hanno brontolata dicendomi che sono inguenua.
Hanno ragione loro.
Sono inguenua, ma questo me lo ricordo sempre e solo dopo.

Fotografia di Andrea Buzzichelli

28 settembre 2010

Giorni di pioggia vera, non olio su pellicole.
Inconsistenze, direzioni diverse.
Solitudine.
Sorelle mamme nonne tutte non mie.

24 settembre 2010

Cancro 21 giugno – 22 luglio

Al tramonto, mentre ero in riva a un ruscello, ho visto la sagoma di una donna in kayak che veniva verso di me. Gli ultimi raggi di un sole arancione splendevano all’orizzonte dietro di lei. Prima di vedere il pianeta Venere in cielo, ho visto il suo riflesso scintillare nell’acqua violetta. La temperatura era mite. Un ragno fluttuava alla fine di un filo di seta sospeso nell’aria. Nove anatre in formazione a V volavano starnazzando sopra la mia testa. Quando la donna è arrivata vicino a me, ha esclamato esultante: “Abbiamo vinto!”. Poi ha ricominciato a remare. Ero d’accordo con lei. Era stata una grande vittoria, il paradiso era sceso momentaneamente tra noi. Prevedo che la prossima settimana vivrai momenti di trionfo come questo.

Mhà Brenzi.. un lo so… ma quello che hai descritto non mi sembra la descrizione del paradiso..
Prima di tutto se fossi in un ruscello al tramonto sarei tramortita dalle zanzare.
Poi mi prospetti un uomo in kayak e io rispondo con decisione: no grazie.
I ragno fluttuante… No guarda.. un ci siamo Brenzi, poi ci manca solo che 9 anatre in formazione mi lascino un ricordino in capo… Nononono!

Il mio ideale di paradiso è molto diverso da questo…
Comunque ora vado a giocare l’enalotto perchè la frase "abbiamo vinto" potrebbe essere veramente una bella cosa da sentire..

23 settembre 2010

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}




I miei ricordi

Argento e oro

Maturi chicchi d’uva

 

 

 

 


22 settembre 2010

La mi sorella è entrata nel mio mondo virtuale.
In  realtà c’era di già.. ma nn lo sapeva.
Quando le persone scoprono questa pagina pensano che io sia "diversa" da come mi vedono ogni giorno.
In realtò tutti noi siamo diversi da come gli altri ci vedono.. o a volte gli altri non ci guardano semplicemente.
Spesso manca la curiosità, l’interesse o semplicemente il tempo e l’attenzione.
Comunque.. io sono fatta di molti lati e forse non appaio nella mia interezza neppure a me stessa.
Ma questo credo sia valido anche per il resto delle persone.

Detto questo devo parlare del fatto che da un po la mia terapia consiste nel cucinare ma aimè per me non ho ancora appreso la dose indicata per una persona. Quindi delle sere mi ritrovo con una quantità di mangiare spropositato mentre altre sere mi tocca sfondacciare gli angoli della dispensa perchè ho fatto troppo poco.
Stasera per esempio mi ci vorrà dell’amaro Braulio se mangio le 4 zucche ripiene che devo finire di cucinare..

😀

21 settembre 2010

In questi giorni il lavoro in ufficio mi pesa molto.
Stare al chiuso mi opprime, avrei tanta voglia di passare qualche giorno all’aria aperta, in campeggio o in montagna.. oppure al mare.
Sto guardando le previsioni per il prossimo we e sono già delusa .. mi sa che i miei tre giorni salteranno per maltempo. Uffa.

Ho voglia di libertà!

20 settembre 2010

In questo we sono diventata una montatrice esperta di tende.
Nel senso.
Non è che mi viene bene, ma visto che sabato sono montata e smontata dalla scala almeno un miliardo e mezzo di volte ho accumulato abbastanza ore di volo necessarie a non essere più considerata un apprendista.
Comunque mamma FatB batte FatB 6 tende a 4.
Sabato sera ho mangiato sotto i lampi e di notte ho atteso che arrivassero le sei per partire per il mare.
Durante il viaggio il cielo si è schiarito e al mare c’era una bella giornata di sole, ma il vento birbo smuoveva il mare increspandolo di molte onde.
Pur di non rimanere all’asciutto ci siamo immersi davanti alla diving alla ricerca di cavallucci marini.
Siamo stati in acqua per un ora cercandoli ma purtroppo non ne abbiamo visti neppure uno.
Per rifarci dalla delusione ci siamo spostati in massa a Cupi.
Alla trattoria di Cupi.
Era tanto tanto che non facevo una sgranata del genere… Mamma mia che spettacolo.

Sono tornata a casa ed ero cosi stanca che mi sono addormetata nel divano.
Non è vero che dopo una mangiata si fanno solo sogni bruttissimi…
Sul divano, accovacciata sotto la mia copertina blu io ho fatto un sogno bellissimo e dolce.

17 settembre 2010
  1. Cancro

    21 giugno – 22 luglio

    Tra l’infanzia e l’adolescenza il presidente statunitense Abramo Lincoln visse per quattordici anni nello stato dell’Indiana. Il Lincoln boyhood national memorial commemora proprio quel periodo. Quando aveva sette anni la mia amica Janet visitò il museo con la sua classe. Mentre passeggiava intorno al monumento, trovò per terra un cerotto e immaginò che fosse appartenuto a Lincoln. Lo portò a casa e lo conservò come un talismano. Quando lo strofinava sulle ferite, Janet pensava che avesse la capacità magica di guarirle. Solo più tardi scoprì che i cerotti erano stati inventati 55 anni dopo la morte di Lincoln. Ma non aveva importanza, aveva svolto a meraviglia la sua funzione. Prevedo che troverai anche tu un placebo simile, Cancerino.

Grazie Brenzi, oggi è una giornata fragile e c’ho bisogno di attaccarmi ad ogni tipo di bellezza..

16 settembre 2010

Da settembre ho trasferito a casa il mio archivio fotografico.
In realtà mi capitava spesso di andare a frucare fra le foto durante l’orario di lavoro.
Era come una piccola pausa.
Questa cosa mi manca.
Mi manca perchè poi la sera in realtà non sto lavorando mai alle foto.
Di sera sono apatica.
E’ che mi manca un mac.
Se c’avessi un mac sarebbe più bello lavorare alle foto.
Ho ripreso a girare per ebay in cerca di non so bene cosa.
Cioè in cerca di macchine fotografiche e obiettivi.
Cioè.. non ci vado mai a fotografare cosa me ne faccio delle macchine fotografiche lo so solo io.??!!
E’ che sto diventando una formichina, nei fatti.
Ma non nella mente.
Con la mente spendo un sacco di quattrini lo stesso.

Comunque, Buongiorno Buona Fortuna..


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: