C'è forza nella pioggia che bagna il bordo del lavandino
e le mie braccia tese, oggi.
Non nelle colline, nè nel cielo che tiene bassi gli uccelli
e ha i colori sbiaditi di una polaroid.

E' sera e non ho ancora smaltito l'adrenalina di ieri sera. E' strano come in certi momenti riesca a sentirmi così presa da una cosa da rimanere quasi inebetita. E' successo ieri sera. Ero completamente stregata dalle immagini dentro il mio quadratino nero. Clementi di fronte a me con delle luci magnifiche dietro che mi sbattevano addosso la potenza delle sue parole.
Mi sono sempre domandata cosa vedono i musicisti dal palco mentre suonano.
Ieri sera ho scoperto che so sostenere gli sguardi, e che certi saluti mi imbarazzano, ma mi fanno piacere.
La fotografia di scena è una cosa che mi scuote. A volte dimentico certi brividi.
Questo non è bene.
Dovrei ricordarmi più spesso la forza di certi sguardi.
Dovrei ricordarmi più spesso come mi piace il "carattere" di certe persone.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: