L’ultimo panino 2011


Ripartire.
Ultimo giorno di lavoro dell’anno, nella pausa pranzo un salto a Terranuova e un panino con la porchetta.
I camioncini si stanno chiudendo e si trasformano in qualcosa di diverso da quello al quale si è abituati.
Tutto ha lasciato una traccia e gli odori si trascinano con le ripartenze.
E’ una metafora piuttosto azzeccata con questo mio anno, con la mia vita tutta.
Sono la traccia vivente di tante persone che amo e che ho amato e che sonoparte di me e lo saranno per sempre. Per scelta. Ci sono tanti modi di essere e questo è il mio. Forse potrei evitarmi molte cose, ma io so che nel mio modo di essere c’è quello di guardare in faccia i miei errori, probabilmente per provare a non ripeterli.
Inizia così questo duemiladodici sono come il guidatore qui sopra che parte con i resti di un pollo e poco più in la una teglia di pasta al forno, incrostata di sentimenti.. ma alla guida.
Inizia con un progetto che spero di portare a termine, con il desiderio di riscoprire la parte meno svogliata di me, con quello di ritornare presto a sentire tanta musica e a scattare con più costanza.
Vi prego, se mi vedrete pigra brontolatemi.

Buon anno a tutti voi. Non lasciate che il tempo vi scorra addosso senza cercare di catturarlo.
SI è vivi. Viviamo.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: