Le lettere di Su

Non esiste un solo modo per guardare la realtà e se dovessi dire che cosa vorrei imparare la risposta è che vorrei imparare ad ampliare la mia visione per cogliere tutte le sfumature e i riflessi possibili. Ho guardato oltre la finestra una volta partita ma il buio mi spingeva in un tunnel, le luci però erano li a catturare i miei sguardi appendendomi da un luogo all’altro.

Una volta in stazione mi sono avvicinata ad cestino per gettare via la mia bottiglia di acqua e per terra c’era un pacchetto di fogli scritti in bella calligrafia, una lettera, caduta o gettata.
La mia passione per la scrittura e per la lettura mescolata alla curiosità ha preso il sopravvento e mi sono chinata per raccogliere quei fogli.
Ora sono qui con una storia fra le mani, ringraziamenti e belle parole e vorrei tanto avere una così bella calligrafia per ringraziarti di tutto il bene che mi dai e della felicità che dispensi

Annunci

Tag:

Una Risposta to “Le lettere di Su”

  1. Brigitte Wohack Says:

    Che emozione! Qualcuno usa ancora il vecchio Kubrick. Abbiamo fatto tanta strada insieme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: